MUSICOFILIA “ la musica in cui viviamo”

Sulla quasi totalità dell'umanità la musica esercita un enorme potere ,indipendentemente dal fatto che la si cerchi o no .Questa inclinazione traspare già nella prima infanzia .é palese e fondamentale in tutte le culture e risale agli albori della nostra specie. Questa "musicofilia è un dato di fatto della natura umana. Può essere sviluppata o plasmata dalle circostanze della vita o dai particolari talenti , ciò nondimeno è così radicata nella nostra natura da poterla ritenere innata proprio come Edward O.Wilson considera innata la "biofilia", il nostro sentimento verso gli altri esseri viventi. (Oliver Sacks)

 

Che rapporto hanno oggi  i giovani  con la  musica ?

Il progetto prevede una profonda ricognizione nel mondo della scuola e nasce da un'analisi che ha rilevato nel nostro paese un progressivo  svuotamento dei valori formativi dell'arte musicale .

Troppo spesso la musica viene  percepita ,specialmente nelle giovani generazioni, esclusivamente  come fattore di intrattenimento .Escluse le passioni e  le particolari predisposizioni che determinano  specifici percorsi formativi, la musica nel sistema dell'istruzione come del resto nell'intera società italiana occupa uno spazio laterale a partire dall'impianto didattico della scuola  per finire al malandato mercato della produzione e della distribuzione della musica.  Nelle scuole di  molti paesi europei e non solo   si attribuisce alla musica una dignità pari a tutte le altre materie d'insegnamento ,un linguaggio che concorre in maniera fondamentale alla formazione del cittadino/uomo. Alla storia della musica si accompagna la conoscenza basica del linguaggio ed è naturale per tutti  un percorso di apprendimento di uno strumento. Di qui orchestre ,cori e circuiti ampiamente diffusi sul territorio per un pubblico mediamente formato e stabilmente connesso al linguaggio musica.

Il festival Time Zones ormai da oltre trenta anni presente  nella città di Bari in questa prossima edizione intende  indagare lo stato attuale del rapporto tra la musica (in senso lato come arte) ed il mondo della scuola . Si tratta di interrogare gli studenti di diverso  livello di studio  e diversa età sul loro sentire in relazione a questa a"arte"; le emozioni, la visione che ai vari livelli si forma in misura delle proprie esperienze. Una spontanea ,ma intensa riflessione da stimolare attraverso il diretto coinvolgimento di musicisti, esperti e fondamentalmente degli insegnanti e della struttura nel suo complesso. Oltre ad un esteso dibattito il progetto mira a selezionare una serie di  contributi  sul tema(testi disegni fumetti,video),  da raccogliere in una pubblicazione da editare e presentare alla città, alle scuole ed alle istituzioni.

L' Associazione Culturale Time Zones   sente il dovere  di portare al centro del dibattito delle idee del nostro territorio la MUSICA , un primo passo verso un allargamento della discussione a livello nazionale all'interno dell'attualissimo tema riguardante la trasformazione del sistema formativo nel nostro paese.  Le scuole interessate a partire dall'inizio di questo anno scolastico saranno di tutti i livelli presenti nel nostro sistema d'istruzione dalla scuola primaria  all'università.

 

 






Archivio news